Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Sardegna’ Category

Nonostante la protesta dei consiglieri di minoranza (alcuni impegnati nell’operazione antisolidale di sgravare la Campania dalla insostenibile situazione emergenziale ; una volta la Sardegna era sempre in primo piano in queste azioni di aiuto e assistenza, mentre ora si attendono i rinforzi di personaggi come Borghezio dediti a fomentare separazioni), la Finanziaria 2008 è stata licenziata in commissione bilancio. Dato il  via libera al testo rimangono circa dieci giorni per la predisposizione delle relazioni di accompagnamento. Insensibili alla legge fondamentale per l’economia dell’Isola i mezzi di comunicazione  si sono lanciati sulla notizia dei rifiuti campani , alcuni scatenandosi in vere e proprie campagne di terrorismo gratuito, avendo già dimenticato la richiesta di solidarietà per la l’agricoltura sarda lanciata a gran voce sino a qualche giorno fa. Pdci e PRC si dichiarano alquanto soddisfatti degli aspetti tecnici mentre impegneranno le proprie forze per elaborare e portare avanti nei prossimi giorni proposte di soluzione per quei problemi che rimangono basilari per la Sinistra. In riunione di maggioranza si porteranno avanti le tematiche del lavoro e dell’occupazione, gli strumenti per combattere le nuove povertà  e il precariato fermo restando un sano impegno per il rilancio della produzione e la soluzione delle problematiche che stanno portando alla perdita dei posti di lavoro per l’abbandono e la delocalizzazione di industrie che erano state un fiore all’occhiello dell’economia isolana.
Annunci

Read Full Post »

“Bisogna accogliere la richiesta del governo Prodi per quanto riguarda l’emergenza rifiuti. Perchè ritengo che detto prevedimento sia legittimo e necessario quando una situazione diviene per la popolazione sempre più intollerabile, sotto tutti i punti di vista , compresi quelli che riguardano non solo la sanità, ma anche la sicurezza e l’ordine pubblico. I problemi del settore rifiuti e le periodiche richieste per l’ applicazione di misure straordinarie, oggi per la Regione Campania in un prossimo futuro potrebbe essere richiesta per la Regione Sardegna deve essere discusso e oggetto di un attento esame in Consiglio regionale”. Lo ha detto il Consigliere regionale Tore Serra (PDCI- COMUNISTI ITALIANI), che condivide la decisione del Presidente Soru affinché la Sardegna insieme ad altre regioni e nazioni, nei limiti e condizioni possibili per un razionale smaltimento e riciclo, partecipi al fine di ripristinare subito la normalità ciò non toglie che i responsabili siano chiamati a pagare:Bassolino e Iervolino sono tra i principali responsabili.

“Gli impegni a salvaguardia dell’ambiente devono essere fatti attraverso scelte chiare e condivise, costruendo il consenso nei territori attraverso un’informazione corretta e puntuale nei confronti delle popolazioni interessate e questi devono essere – ha sottolineato Tore Serra – rispettati. Bisogna trovare il coraggio di trovare soluzioni e alternative. La proposta di utilizzare per lo smaltimento dei rifiuti la tecnologia della termovalorizzazione potrebbe essere una soluzione ma perché non verificare nuovi sistemi già sperimentati che permettono di risolvere il problema con un impatto ambientale decisamente minore e che costano molto meno rispetto ai termovalorizzatori. A tal proposito, conclude l’on. Serra non bisogna confondere le emergenze con le soluzioni da adottare che non hanno colpe per i disservizi e non possono essere accolte con soluzioni affrettate e frettolose . Si rischia, che ricorrendo gli allarmismi non si tengano conto dei costi sociali e non vengono rispettando gli impegni con le popolazioni e di far perdere credibilità alle Istituzioni”.

Read Full Post »

elias.jpg

Vincenzo A. Romano * (con le foto della serata)

«Sono impressionato. Pensavo che questi giochi economici, come il Dumping Predatorio, fossero destinati solo alle grandi aziende. Mai avrei creduto che investitori, anche poco seri potessero essere, così feroci verso la gente. Perché questo vuol dire l’abdicazione del potere politico di fronte al potere economico…». Questo era uno dei commenti ad un articolo pubblicato su questo sito in occasione della disperata protesta “lo sciopero della fame” dei contadini di Decimoputzu oppressi da esosi debiti contratti, in buona fede, in base ad una legge (n°44 del 1988) che amministratori disattenti ed ignoranti avevamo emanato senza tenere conto del fatto che anche questa tartassata Isola sta nel novero delle grandi nazioni (e delle loro regole) della Unione europea. Mena Aloia riassumeva in quei giorni, erano i primi giorni di ottobre, la vicenda dell’accavallarsi di errori e debiti con banche rapaci e politici insensibili. Il 6 novembre, dopo un periodo di febbrile attività a studio della tragica situazione la questione veniva portata in Parlamento dal Deputato Algherese Elias Vacca che presentava al ministro una interrogazione a risposta immediata sul dramma che continuava a consumarsi nel Municipio di Decimoputzu dove continuava lo sciopero della fame degli agricoltori cui le banche creditrici continuavano a metter all’asta i beni. L’intervento del deputato del Pdci cominciava con la constatazione : «quello che sta accadendo in Sardegna è paragonabile ad una seconda emergenza economica dopo il caso Parmalat. Sono, infatti, circa 7.000 le aziende agricole sarde, dal singolo pastore al coltivatore di fiori, e quasi 30.000 le persone direttamente impegnate nell’azienda familiare, uniti ad altrettanti braccianti, che hanno perso tutto, travolti da un mix di truffa, bluff ed incompetenza, e strozzati da debiti da capogiro con le banche…». La risposta del Ministro fu, come ebbimo a scrivere in un secondo momento, quasi una beffa. Perché –sostanzialmente aveva ingannato il deputato, o meglio aveva mentito al parlamento- perché mentre rispondeva di provvedimenti sospensivi già assunti le aste continuavano impunemente. Occorre rammentare che non era la prima volta che il nostro partito si occupava della questione, perché venti giorni prima sempre l’on. Vacca denunciava assieme all’ Altro sardo Oliviero Diliberto la situazione economica in cui versava il sistema economico in Sardegna con riferimento proprio a Decimoputzu : «In provincia di Cagliari, a Decimoputzu, i coltivatori si sono attivati in una protesta organizzata, occupando la Sala Consiliare del paese e avviando lo sciopero della fame nella speranza di ottenere un intervento concreto da parte delle istituzioni; tale pacifica battaglia è stata però ostacolata da atti di violenza e minacce al leader di Altragricoltura, nonché portavoce del Comitato di lotta dei pastori ed agricoltori». Sabato pomeriggio, in un’affollatissima aula consiliare – brillavano per l’assenza: Presidente, Giunta e Consiglio regionale – Elias Vacca era ancora in quella Aula (insieme con i compagni Maria Demurtas della Direzione Nazionale del Pdci, l’Assessore al lavoro della Provincia di Cagliari Maria Carla Floris , il Segretario della federazione di Cagliari Antonio Littarru e chi vi riferisce con queste note). (altro…)

Read Full Post »

Soddisfazione del Pdci per gli obiettivi raggiunti ed il buono stato delle finannze. Rimangono ancora alcuni punti da risolvere come il lavoro, le nuove sacche di povertà ed il rilancio pieno dell’economia. Finalmente approvati il piano della Sanità che mancava da quasi 25 anni e quello paesaggistico.

CAGLIARI, 28 DICEMBRE 2007 – Il Presidente della Regione, Renato Soru, come di consueto nella conferenza stampa di fine dicembre ha fatto una analisi del lavoro svolto dalla Giunta nell’anno solare appena trascorso, passando in rassegna i risultati ottenuti, a cominciare in particolare dalla sanità (“il 2007 è l’anno nel quale è stato approvato il Piano sanitario regionale, dopo 24 anni”), per passare al bilancio, per la prima volta in pareggio dopo molti anni (“dopo qualche decennio non si fanno nuovi debiti ma si pagano i debiti del passato, tutto questo senza chiedere sacrifici ai cittadini”) grazie ai tagli alle spese inutili e alla battaglia vinta sulle entrate; e infine all’istruzione, sulla cui importanza il Presidente Soru si è soffermato ancora un volta, e citando don Milani ha ricordato come “mettere nel mondo un giovane senza istruzione è come mettere in cielo un passero senza ali”.
continua a leggere

Read Full Post »

osp1.jpg

di Vincenzo A. Romano (con servizio fotografico dell’evento)

Con la presenza della compagna Maria Demurtasdella Direzione nazionale del Pdci -la federazione di Cagliari e la neonata Sezione del Pdci dedicata a Giorgio Amendola, sezione che è ancora in attesa dei crismi di approvazione delle autorità nazionali del Partito dei comunisti Italiani, aveva da tempo in fase organizzativa (dopo circa tre anni di assenza di manifestazioni su territorio) un seminario sulla nuova esigenza di creare dal basso posti di lavoro senza l’assistenzialismo pubblico: l’Ospitalità diffusa che è anche un modo di crescita delle comunità civili, di aggregazione, dialogo e soprattutto “cooperazione”, una voce che ancora di declina con difficoltà in terra sarda. Ciò si è potuto realizzare in un periodo poco felice (quello natalizio) che ha imposto l’assenza dalla partecipazione della più grande scuola alberghiera sarda, appunto quella di Monserrato, ma è stato un seminario colto, pregnante e che ha messo le premesse per nuovi incontri soprattutto per l’interesse dei politici, degli stessi operatori presenti, ma soprattutto per l’associazione dei confesercenti. (altro…)

Read Full Post »

arteggiati_copertina.jpg

«Oggi 12 Novembre 2007 Gli Arteggiati dipartimento artistico culturale dell’Associazione Nilde Jotti con l’appoggio della Sezione Togliatti della Federazione del Pdci di Cagliari, posano la prima pietra sulla quale si costruirà MercanteggiArte, mostra mercato artistico artigianale che si svolgerà stabilmente con cadenza settimanale, nella sede della Sezione Togliatti in Via Buragna, 20 a Cagliari». Così il blog degli Arteggiati poneva le premesse per l’ odierna inaugurazione di una mostra-mercato a Cagliari. Piccoli oggetti di artigianato , dagli anelli – apprezzatissimi – in rame intrecciato, alle pipe. Che potevi vedere nell’atto della loro creazione con radica di noce, ai quadri, agli originali “bruciaincenso” realizzati con canna palustre e fantasmagoricamente colorati. Una sezione di piccoli “presepe” in sughero, miniaturizzati, ma completi in tutti i particolari, un settore di dipinti “naif”. Immancabili gli oggetti – miniaturizzati- dell’artigianato tradizionale, come piccole passapanche, taglieri ed il “sole” (onnipresente) con piccole culle in legno quasi “zane” che ci potevi mettere un pupetto di fantasia. Ospite della serata Nora Uda, segretaria della sezione Togliatti, a fianco dell’organizzatore Danilo e del curatore del sito dell’Associazione Gianfranco Ghironi. Vasta la presenza della federazione di Cagliari, da Maria Demurtas della Direzione nazionale del Pdci, all’Assessora Maria Carla Floris, al segretario Littarru. Scintillante la presenza della attrice e cantante Elena Pau (incantata dagli anelli arzigogolati in fili di rame) pure del Comitato Centrale del Partito-. Ha visitato con piacere la mostra il Presidente della 1^ Circoscrizione Gianfranco Carboni che si è intrattenuto con gli espositori dimostrando grande disponibilità verso gli ospitati e la Sezione.(Vincenzo A. Romano)
Immagini della serata

Note dalla Nilde Iotti onlus 

Read Full Post »

Ribadiamo l’esigenza di intervenire con adeguati strumenti finanziari e normativi, capaci di incidere in modo risolutivo sulla “emergenza lavoro e povertà” che attraversa la Sardegna. Le vertenze più acute, da quella industriale (Legler, Montefibre, Ex Scaini, Palmera – per citarne alcune) a quella degli interventi di ripristino ambientale (lavoratori del parco geominerario) e del mondo agricolo (vertenza latte e indebitamento della piccola proprietà contadina), a quella del sistema dei servizi esternalizzati della Pubblica Amministrazione regionale e locale (personale di pulizia, movimentazione archivi, manutenzione immobili) e della formazione professionale, devono trovare risposte nella legge finanziaria. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »